ASN - Amici Scala N
martedì 11 dic 2018 - Associazione Nazionale Amici Scala N
Premio Muzio 2000


1° classificato: E412
  A Novegro (1 ottobre) si è tenuta la Premiazione del 1° Concorso Modellistico Internazionale "ASN - Giovanni Muzio" 2000
Grande successo per la prima edizione del Concorso Modellistico Internazionale "ASN - G. Muzio" 2000, prima manifestazione modellistica mai istituita in Italia riservata ad autocostruzioni o elaborazioni di modelli in scala N (1:160).

Il Premio, nato per promuovere la scala N tra il grande pubblico dei fermodellisti italiani, e ricordare al contempo la figura di Giovanni Muzio, pioniere della 1:160 e consigliere ASN, ha visto ben 12 partecipanti (14 iscritti), con qualcosa come 22 modelli presentati in 6 delle categorie previste.
Giovanni Muzio era conosciutissimo tra gli ennisti italiani per l'ingegnosità delle modalità riproduttive e i materiali (poverissimi) utilizzati; d'altronde, stanti le endemiche carenze produttive, non è che la situazione dagli anni '60/'70 (quando Giovanni si "inventava" i modelli) sia poi cambiata troppo...
Proprio per questo motivo, la scheda per le votazioni dei modelli predisposta per la Giuria era strutturata così da privilegiare i materiali "poveri" ed arrangistici utilizzati dal modellista per la sua costruzione/elaborazione.
Bellissima, anche per dare modo di conoscere l'operato di Giovanni, la vetrina allestita da Giuseppe Muzio con i modelli realizzati dal padre (trifase, vaporiere, tram: un ben di dio assoluto!), vetrina letteralmente "assalita" dai modellisti.
Il Concorso organizzato dalla ASN ha dimostrato, laddove ce ne fosse ancora bisogno, che la scala N, in Italia, è ben radicata, e la voglia di "fare" risulta enorme.
Significativo anche il fatto che la Premiazione sia avvenuta all'interno di FIMF 2000, divenendone anzi uno dei momenti più interessanti.

Molti i premiati nelle diverse categorie: vincitore assoluto, e premiato con Coppa ASN, Targa per il miglior modello del Maestro Claudio Cestaro e un D. 214 Euromodell (!) donato da Maurizio Casini Ropa, impagabile amico e socio ASN, è risultato il modello di E412 in ottone (totalmente autocostruita, motorizzazione compresa!) di Marco Carugati, vincitore anche della categoria "B1B Materiale trainante - autocostruzioni".
Molto apprezzati i modelli di Christian Corradi, 2° classificato nelle autocostruzioni con una ALn 668 folle, e 1° classificato nella categoria "B2B Materiale trainante - elaborazioni" con un modello di ALn 663 riprodotto al computer, in perfetto stile-Muzio, stampando la carrozzeria della macchina su materiale plastico trasparente.
Carugati ha "strabiliato" la Giuria con la sua realizzazione, bellissima e dal funzionamento... meglio che commerciale; Corradi (anche per l'età giovanissima) avrà modo di rifarsi nelle prossime edizioni.
Da ricordare, in questa categoria, anche la bella E464 di Alessandro Pozzi, e la E428 di Mario Malinverno, 2° e 3° classificato.
Nella categoria "Macchine a vapore" due i vincitori, Pierangelo Manzini (B1a-Autocostruzioni) con una bella Gr. 880, e Carlo Maldifassi (B2a-Elaborazioni) con una splendida Gr. 835 dal biellismo completamente autocostruito. 2° classificato Luca Lachi, con un'altra bella Gr. 835.
Le categorie "Materiale rimorchiato" hanno visto invece l'affermazione di Silvio Carcano (C1-Autocostruzioni) con una Carrozza panoramica RhB (le cui fiancate sono state ottenute fotocopiando a colori una carrozza Bemo!), e Pietro Merlo (C2-Elaborazioni), con un convoglio di carri pietrisco FS dalle pareti di... carta verniciata.
Stanca ma felice anche la giuria, di cui facevano parte rappresentanti della Italian Railway Society inglese, e della N-Club International tedesca.
Il successo del Premio è stato confermato anche dall'attenzione degli "sponsor": dalla Arnold-Rivarossi alla Tibidabo, dalla DANIfer a Vittorio Naldini, dalla Modeltreno alla CLM-Hitech al negozio "Moro Modellismo" di Pavia, tutti hanno offerto modelli o confezioni complete di rotabili; impressionante, ancora, la Coppa (1 metro di altezza!) offerta dal "Museo della Scala N" in Firenze - Leopolda.
Era previsto, oltre alle categorie in concorso, che venissero premiati la miglior macchina a vapore in gara (cat. B1a-B2a) e il miglior carro o carrozza realizzata (Cat. C1-C2).
Il premio alla miglior macchina a vapore (una targa offerta dalla IRS Italian Railway Society) è andato a Carlo Maldifassi; quello per il miglior carro/carrozza (una coppa dalla N-Club International) è stato assegnato a Silvio Carcano.
Simpaticissima la Coppa "stampata" su foglio a colori e offerta come Trofeo N-Club dagli amici tedeschi; al trofeo "virtuale", peraltro, Csavajda in rappresentanza degli ennisti di lingua tedesca ha unito anche alcuni "pezzi unici" di grande valore, carri commemorativi preparati da Arnold e Fleischmann in poche decine di unità.
La premiazione è risultata un momento di festa per la Scala N: tantissimi gli amici presenti, tanta l'allegria ma anche la commozione al ricordo di Giovanni Muzio. Visualizza i risultati completi:


Coppa IRS - Italian Railway Society
alla miglior macchina a vapore (Cat. B1a/B2a) - Carlo Maldifassi (Gr. 835)

Targa N-Club International
al miglior carro/carrozza (Cat. C1/C2) - Silvio Carcano (Carro passeggeri RhB linea Bernina)

Riconoscimento Speciale - Trofeo Simpatia
a Mario Mancastroppa (amico fraterno di Giovanni Muzio, ha partecipato al concorso con la prima elaborazione della sua vita)

Giuria: Giuseppe Muzio, Antonio Rampini, Ezio Mazzarella, Claudio Cestaro, Manrico Mennucci (Museo della Scala N), Gerald Lambourn (IRS - Italian Railway Society), Peter Csavajda (N-Club International)